Axitea » Approfondimenti » Combinatore telefonico PSTN: perché non deve essere più utilizzato in un sistema di sicurezza

Approfondimenti

Combinatore telefonico PSTN: perché non deve essere più utilizzato in un sistema di sicurezza

Vuoi rimanere aggiornato con le ultime notizie? Iscriviti alla nostra newsletter

Autore

Redazione Axitea

Ancora oggi – nonostante l’innovazione tecnologica – è frequente trovare impianti di allarme che trasmettono segnalazioni di allarme intrusione utilizzando un combinatore telefonico PSTN, cioè la rete telefonica pubblica tradizionale.

Questo canale di comunicazione, tipicamente utilizzato nel settore della vigilanza privata, sicuramente utile in passato, oggi non è più affidabile e, chi ancora lo utilizza, deve al più presto passare a un’altra tipologia di periferica.

Scopriamo perché, facendo prima un’introduzione su questo vettore di trasmissione.

Cos’è una linea PSTN

La linea PSTN, acronimo di Public Switched Telephone Network, è la rete telefonica pubblica tradizionale utilizzata per trasmettere le conversazioni vocali attraverso fili di rame. Essa è stata la principale tecnologia di comunicazione telefonica per molti decenni, prima dell’avvento delle tecnologie VoIP e della telefonia mobile.

Il combinatore telefonico nei tradizionali sistemi di allarme

Il combinatore telefonico PSTN è un dispositivo che consente di integrare un impianto di allarme o di controllo remoto con la linea telefonica tradizionale. È una periferica che funge da ponte tra sistema di sicurezza e linea telefonica, consentendo al primo di inviare segnalazioni di allarme a una centrale operativa (o a un utente specifico).

Il problema del PSTN non risiede tanto (o non solo) nelle funzionalità quanto nell’affidabilità nel trasmettere un segnale di allarme.

Evoluzione delle reti telefoniche fisse e crisi della periferica PSTN

Nel corso degli ultimi anni stiamo assistendo a un profondo mutamento delle reti telefoniche fisse con un’evoluzione delle caratteristiche delle linee Voice Over IP (VoIP – voce tramite protocollo Internet).

In particolare, gli operatori telefonici stanno progressivamente abbandonando le linee telefoniche tradizionali a vantaggio delle linee VoIP.

Nelle linee VoIP gli operatori telefonici non sono più tenuti a garantire l’invio degli allarmi tramite combinatore telefonico, in quanto la funzionalità non è prevista dalle linee guida VoIP internazionali.

Le conseguenze dell’utilizzo di un combinatore telefonico

Quali sono le conseguenze? A causa delle policy di trasmissione implementate nel tempo da ciascun operatore telefonico potrebbero verificarsi anomalie di trasmissione degli allarmi inviati tramite combinatore telefonico:

  • mancate ricezioni da parte di una Centrale Operativa;
  • irregolarità delle chiamate effettuate dal combinatore;
  • possibile aumento di addebiti e costi telefonici.

Questo fenomeno è ovviamente previsto in aumento nel futuro, con conseguente diminuzione del suo livello di sicurezza.

Alternative al combinatore telefonico tradizionale

Come mantenere elevato il livello di sicurezza di fronte a questa evoluzione degli operatori telefonici della linea fissa? Per chi utilizza ancora il combinatore telefonico è possibile individuare alcune opzioni:

  • sostituzione con un vettore di trasmissione 4G/LTE (quindi rete telefonica mobile), con un evidente miglioramento delle prestazioni;
  • utilizzo di un simulatore di linea PSTN, che simula una linea analogica tradizionale utilizzando la rete 4G/LTE;
  • utilizzo di periferiche che sfruttano la tecnologia Radio;

Vantaggi nell’utilizzo di una periferica “non PSTN”

Di seguito, i principali vantaggi di una periferica non PSTN (alcuni vantaggi sono applicabili solo a una specifica tecnologia):

  • aumento del livello di sicurezza (si evita così il cosiddetto “taglio del cavo telefonico”);
  • aumento dell’affidabilità, grazie alle verifiche di sopravvivenza e mancanza rete sulla periferica;
  • bidirezionalità nella trasmissione dei segnali (da periferica a Centrale Operativa e viceversa);
  • utilizzo di una rete di trasmissione mobile di altissima affidabilità (in caso di rete mobile, grazie all’utilizzo di una SIM GDSP multi-operatore);
  • verifiche on/off e teleattivazione del sistema di sicurezza collegato a un Security Operation Center.

Problematiche in caso di evento di allarme

Continuare a utilizzare un combinatore telefonico digitale rende meno efficace la gestione degli eventi di allarme: se l’impianto di allarme è gestito da una società di vigilanza privata, l’utente finale si espone al rischio di mancate gestioni imputabili al non corretto funzionamento del vettore trasmissivo.

Per questo motivo è necessario sostituire al più presto un combinatore telefonico PSTN.

Scopri i servizi di vigilanza evoluti di Axitea, che sfruttano le più recenti tecnologie per la trasmissione degli allarmi.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato su Axitea e sul mondo della sicurezza!

Scroll to Top
Torna su